info@artifa.it

Mobile Bagno

Scegliere un mobile bagno sospeso o a terra

by orlando |19 Maggio 2020 |2 Comments | Mobile Bagno |

Il mobile da bagno non è soltanto un elemento puramente estetico ma un complemento funzionale e contenitivo: di seguito le varie opzioni.
Insieme cercheremo di capire se per il tuo bagno è meglio scegliere un mobile sospeso o a terra, non soltanto in base a parametri come le dimensioni dell’ambiente e gli spazi a disposizione ma dipende come sempre da diversi fattori.

Prima di scegliere il mobile da bagno bisogna verificare se la parete che lo ospiterà può sostenere il peso di una composizione sospesa. In caso contrario, la scelta sarà obbligata: dovrai optare per una soluzione a terra, magari con piedini alti se non è di proprio gusto che il mobile sia attaccato completamente al pavimento. Se sei in fase di ristrutturazione, bisogna verificare quindi che il muro sia sufficientemente rinforzato è che sia possibile installare mobili sospesi anche su pareti in cartongesso, purché dietro di esse siano state predisposte delle barre di legno.
Detto questo, come in tutte le soluzioni ci sono vantaggi e svantaggi delle due opzioni, per capire quale di esse fa al caso tuo elenchiamo alcuni punti riguardo il mobile da bagno sospeso:
• È una soluzione leggera e lineare per chi ama i minimi ingombri.
• È più comodo per la pulizia del pavimento.
• È perfetto nei bagni piccoli se non si vuole appesantire l’ambiente.
ma bisogna sapere anche;
• Il peso grava sulla parete e non può essere installato in tutti i casi (come dicevamo nel precedente).
• Offre un minor spazio contenitivo.
• Costringe a forare le piastrelle della parete.
Riguardo Il mobile da bagno a terra
• Non ha problemi di peso, perché poggia a pavimento.
• Non è necessario forare le piastrelle: un vantaggio soprattutto quando a rivestimento c’è gres o marmo.
• Sfrutta tutto lo spazio contenitivo in altezza.
Di contro però
• Può risultare un po’ pesante esteticamente (se l’ambiente è piccolo)
• La pulizia del pavimento risulta meno agevole (o impedita, dipende se si sceglie un piedino o uno zoccolo chiuso). Si potrebbe comunque ovviare a questo problema scegliendo un mobile con i piedi più alti.

La sala da bagno

by orlando |18 Maggio 2020 |0 Comments | Mobile Bagno | ,

In una casa, la stanza di utilità essenziale è la sala da bagno, per questo motivo quando decidiamo di ristrutturarla, dobbiamo scegliere materie di prima qualità, che garantiscono al mobile da bagno la durata nel tempo.
[Ti invitiamo prima a leggere: Quale legno per mobili bagno ]

Quando parliamo di arredo bagno il primo pensiero va ai rivestimenti e sanitari, che attribuiscono uno stile ben preciso all’ ambiente.
Fondamentale scelta è quella dei mobili d’arredo, disponibili in diverse varietà; da quelli classici a quelli moderni. Tale scelta è del tutto soggettiva ma richiede alcuni importanti criteri;
Il mobile da bagno deve adattarsi ai sanitari, all’ambiente circostante e deve assumere forme, materiali e colori che maggiormente rappresentano il cliente.
Per definire il tutto con un ulteriore tocco personale, è possibile aggiungere degli accessori.

Quale legno per mobili bagno

by orlando |22 Aprile 2018 |0 Comments | Mobile Bagno

Devi acquistare un mobile da bagno, nel fare ciò ti sarai chiesto di che legno deve essere composto un mobile da bagno ma non sapendo quale sia il migliore per un ambiente sottoposto ad un alto tasso di umidità ti sei subito precipitato sul web alla ricerca di maggiori informazioni al riguardo e ti trovi qui, sul mio tutorial, sperando di ricevere qualche utile indicazione. Beh, che dire … sei nel posto giusto! Con questo mio post di oggi cercherò appunto di dare una risposta esaustiva alla domanda quale legno per mobili bagno.

Partendo dal presupposto che il legno è il materiale per eccellenza nel campo dell’arredamento. Le strutture dei mobili sono sempre state realizzate infatti in legno, perché questo materiale tra le sue qualità ha la robustezza, la resistenza e la malleabilità.

Avere in casa mobili in legno ci collega direttamente con la natura, ci permette di creare dei legami indistruttibili nei secoli, di sentire il calore e di ammirare la varietà di venature segnate dal tempo. Per questo motivo tuttora continua a essere presente in casa come scelta di stile e di carattere, di gusto e di estetica, oltre che di funzionalità e soprattutto resistenza. Molti designer e architetti nei loro progetti tendono ad utilizzare proprio il legno per esternare sentimenti e emozioni.

Esistono diversi tipi di legno in natura e le differenti qualità derivano dal tipo di albero e dalla lavorazione che subisce. Ogni tipologia ha caratteristiche ben precise e necessita di una manutenzione diversa e viene impiegato per specifici usi e prodotti. Vediamo quindi quali sono i principali tipi di legno che vengono utilizzati nel mondo dell’arredamento per la casa e in particolare quale legno per mobili bagno.

Indice:

  • Legni teneri
  • Legni semiduri
  • Legni duri

I legni teneri

I legni teneri sono molto leggeri e facili da lavorare ma sono altrettanto facili da incidere o graffiare. Tra i legni teneri troviamo l’ Abete e il Pino. L’ Abete ha una superficie bianca che tende ad ingiallire con il passare del tempo e viene spesso utilizzato per la produzione di mobili e serramenti. Il Pino invece è un legno di colorazione chiara simile all’ Abete ma a differenza possiede più venature dando l’impressione che faccia parte dei legni duri. Molto spesso viene utilizzato per gli infissi o per la costruzione di tetti.

I legni semiduri

I legni semiduri hanno media durezza e sono quelli che vengono utilizzati spesso in falegnameria, questo grazie alla loro durevolezza nel tempo e grazie alla semplice lavorazione. Tra i legni semiduri troviamo il Castagno, Ciliegio, Faggio e il Noce. Il Castagno è un legno lavorabile e resistente all’umidità e agli agenti esterni. Per questo motivo il suo utilizzo è consigliato per gli arredi da giardino o per strutture esterne. Il Ciliegio invece è un legno molto debole agli agenti atmosferici infatti tende a deformarsi con il tempo. L’utilizzo si limita all’ebanisteria e per le impiallacciature. Il Faggio, ha caratteristiche simile al ciliegio e viene spesso utilizzato per produrre sedie, utensili da cucina e parquet. Il Noce è il legno tenero più elastico tra i quattro citati, ma tende a tarlarsi. Viene utilizzato nella costruzione di mobili, nella tornitura e nell’ebanisteria.

I legni duri

I legni duri hanno alta resistenza agli agenti atmosferici ma non sono facili da lavorare, ed è per questo che sono pregiati e costosi. Infatti vengono utilizzati nel settore dell’ebanisteria, ma anche nel restauro di vere opere d’arte e nel modellismo. In questa categoria troviamo l’ulivo, il frassino, l’ebano e il mogano. L’Ulivo presenta una venatura molto compatta. Molto pregiato come gran parte dei legni duri e viene impiegato in ebanisteria, nella tornitura e per costruire mobili di lusso. Il Frassino è un legno che nonostante la sua durezza si presta ad essere lavorato. Viene utilizzato nella produzione di mobili e arredamenti. L’Ebano è uno dei più costosi che esista sulla terra, duro e molto pesante. Viene utilizzato nella rifinitura di mobili di lusso. Il Mogano ha la particolarità di essere raramente deformabile ed anche questo viene utilizzato soprattutto nella costruzione di mobili. Dunque alla domanda che ti stavi ponendo su quale legno per mobili bagno fosse il migliore, ti rispondo i legni duri e i legni semiduri. Ogni azienda a sua volta decide a quale legno affidarsi ……